ANSIA SOCIALE



di Luca MAZZUCCO

Il disturbo d'ansia sociale è associato ad alti livelli di abbandono scolastico e lavorativo, ad una diminuzione del benessere, della produttività lavorativa, dello status socioeconomico e della qualità della vita. Aspetti che rendono evidente la necessità di riconoscere e intervenire al più presto sulle cause del disturbo.


Il DISTURBO D'ANSIA SOCIALE è caratterizzato da intensa paura o ansia rispetto a situazioni sociali in cui l'individuo può essere esaminato dagli altri. Quando esposto a tali situazioni sociali, l'individuo teme di essere valutato negativamente (es. valutato come ansioso, debole, pazzo, stupido, noioso, intimidatorio, sporco, sgradevole), di agire mostrando determinati aspetti che giudica negativi (es. mostrare ansia, arrossire, tremare, sudare, inciampare nelle parole).

Chi sviluppa tali sintomi, piano piano, inizia a provare ansia e paura nella gran parte delle situazioni sociali ed arrivare a sviluppare ansia anticipatoria (es. preoccuparsi ogni giorno per settimane prima di partecipare a un evento sociale) o veri e propri attacchi di panico durante l’evento stesso.

È quindi evidente come l'individuo arriverà facilmente ad evitare tutte le situazioni sociali temute o, nele caso in cui vi parteciperà, le vivrà con il terrore che succeda qualcosa di irreparabile.

L'evitamento potrà riguardare specifici aspetti (es. non andare alle feste) ma potrà coinvolgere ampi spazi della vita sociale del soggetto impedendone la normale attività scolastica, lavorativa e sociale.

Alla FOBIA SOCIALE si può facilmente associare una sorta di automedicazione con sostanze (per es., bere prima di andare a una festa), aspetto che potrebbe facilitare l’avverarsi delle situazioni negative tanto temute.

I fattori di rischio alla base della FOBIA SOCIALE vanno ricercati in aspetti temperamentali, ambientali, genetici, fisiologici e culturali (si veda ad esempio la sindrome di tazjin kyofusho tipica di Giappone e Corea).

Il disturbo d'ansia sociale è associato ad alti livelli di abbandono scolastico e lavorativo, ad una diminuzione del benessere, della produttività lavorativa, dello status socioeconomico e della qualità della vita. 

E' QUINDI EVIDENTE COME LE PERSONE CHE SPERIMENTANO ANSIA SOCIALE DEBBANO CHIEDERE AIUTO QUANTO PRIMA. 

L'UNICA SOLUZIONE LA PUO' OFFRIRE UNO PSICOLOGO-PSICOTERAPEUTA SPECIALIZZATO NEL TRATTAMENTO DELLA FOBIA SOCIALE.